Gli strumenti per il disegno e la definizione dei ponti termici di ThermCAD

Per il disegno, andrà tracciato ogni singolo strato di materiale (strumento elemento costruttivo). Ogni materiale racchiude in sè il fattore di conducibilità termica lambda che è personalizzabile. Gli elementi costruttivi possono essere memorizzati in un proprio catalogo. ThermCAD, mette a disposizione un catalogo di migliaia di materiali già pronti. Disegnato dunque il ponte termico, sarà sufficiente definire le condizioni termiche e di flusso e così avviare con un clic il calcolo del coefficiente di trasmittanza termica lineica ψ (psi).

Clicca qui per assistere ai video sull'argomento

Lo strumento elemento costruttivo consente di tracciare un singolo strato di un materiale secondo lo strumento scelto mostrato qui affianco. Ad esempio si può scegliere di disegnare un rettangolo che rappresenti una muratura, un altro per il solaio, e ulteriori rettangoli (o poligoni irregolari) per i vari strati e così avere realizzato il ponte termico del nodo tra un muro e un solaio. Ad ogni singolo elemento va' attribuita una propria conducibilità termica lambda secondo i materiali desiderati (vedi finestra di dialogo nell'esempio seguente) ed ogni elemento definito può essere memorizzato in un proprio catalogo.

 

Nella finestra di dialogo di un elemento costruttivo s'imposta la conducibilità termica lambda.

 

 

Successivamente s'impostanto le condizioni termiche superficiali degli elementi appena disegnati:

Lo strumento condizione al contorno consente di definire le condizioni termiche superficiali delle strutture disegnate in modo che ThermCAD comprenda quale sia il lato interno e quello esterno dell'edificio ma anche quale non preveda lo scambio di calore (adiabatico), e in quali condizioni termotecniche eseguire il calcolo.
Gli strumenti d'inserimento mostrati qui affianco consentono di eseguire questa definizione termica superficiale su un singolo lato o su più lati consecutivi della struttura disegnata.

 

Nell'esempio seguente siamo in presenza di una mansarda riscaldata ed in particolare sta' per essere definita la condizione "Interno riscaldato - Flusso di calore orizzontale" sul lato inferiore del solaio:

 

Per selezionare una condizione termica al contorno è sufficiente sceglierla dall'elenco mostrato qui affianco. Per le condizioni al contorno libere è possibile inserire direttamente la descrizione, la temperatura superficiale, il valore Rs (resistenza termica superficiale) e il fattore Fx (fattore di correzione della temperatura).

Per quanto riguarda le temperature superficiali minime degli esterni e quelle massime degli interni, queste sono impostabili nelle proprietà globali del calcolo ψ (psi) mostrata nella barra di riepilogo di ThermCAD:

A questo punto viene impostata la direzione del flusso termico:

Lo strumento valore U consente di valutare la conduttività termica della struttura disperdente presa in esame nel progetto disegnato. Il flusso attraversa la struttura e considerato che normalmente la direzione di massima del calore viene scambiata perpendicolarmente al bordo del solido, ThermCAD mette a disposizione i due strumenti d'inserimento mostrati qui affianco. L'inserimento libero è utile in presenza di geometrie irregolari dove è possibile impostare manualmente la direzione da valutare mentre quello perpendicolare è lo strumento più usato dato che solitamente si è in presenza di poligoni regolari.

 

Nell'esempio seguente si vedono le direzioni termiche dei valori U dei due locali riscaldati (mansarda e piano inferiore):

Come si vede dalla finestra di dialogo qui sopra, è possibile personalizzare i valori della conducibilità o conduttività termica (U) e quelli della resistenza alla trasmittanza termica interna (Rsi) ed esterna (Rse) e dall'elenco qui affianco è possibile scegliere tra le seguenti opzioni come fattore di correzione della temperatura (Fx), in riferimento alle normative UNI EN ISO 6946 e DIN 4108 Supplemento 2.

Con un semplice clic sul pulsante ThermCAD esegue il calcolo secondo il metodo agli elementi finiti (FEM) del coefficiente di trasmittanza termica lineica ψ (psi):

Il risultati dei calcoli vengono mostrati nella barra di riepilogo (vedi immagine sopra) mostrata sulla destra del programma.

I risultati del coefficiente di trasmittanza termica lineica ψ (psi) dei ponti termici calcolati, possono inoltre essere presentati automaticamente con pratici rapporti automatici e possono essere memorizzati in un catalogo di ponti termici personalizzato.

Rappresentazione 2D: La grafica 2D degli elementi progettatti è personalizzabile. In particolare è possibile assegnare stili, pennini, riempimenti e retini a piacere.

Memorizzare i propri modelli: Ogni elemento disegnato può essere memorizzato nel catalogo e così aggiungersi alle librerie di progettazione. I propri modelli conserveranno tutte le impostazioni principali necessarie a future progettazioni.

 
 
Punta e Traduci Latino